La lotta al marine litter

Primo piano

I rifiuti solidi marini sono un problema in aumento che ha attratto una grande attenzione da parte dell'opinione pubblica negli ultimi anni. Il settore della plastica ritiene che le materie plastiche sono una risorsa preziosa che apporta svariati benefici alla società moderna, contribuendo in maniera significativa alla fornitura di soluzioni sostenibili, e deplora la presenza di rifiuti in plastica nell'ambiente, sia causata dal comportamento irresponsabile sia dalla gestione inappropriata dei rifiuti.

Le cause dei rifiuti solidi marini sono numerose e complesse e non possono essere risolte da un solo gruppo di parti interessate. Come settore, siamo determinati a promuovere l'azione di più parti interessante sulla problematica in Europa e a livello internazionale. A prescindere dalla loro origine, la presenza di rifiuti in plastica in qualsiasi ambiente è inaccettabile, e l'industria della plastica si impegna a rafforzare le sue partnership allo scopo di risolvere il problema alla fonte.

Come settore della pla stica, concentriamo i nostri sforzi sulle perdite di microplastica e pellet secondari, mentre per le altre microparticelle, abbiamo formato un'alleanza più ampia con altri settori come le industrie di sostanze chimiche, tessuti, pneumatici, vernici e cosmetici, attraverso associazioni come la CEFIC.

Soluzioni per i rifiuti solidi marini
 

2.3. MarineLitter_logo.pngPer creare una piattaforma di azione, dal 2011 74 associazioni del settore nel mondo con sede in 40 Paesi hanno firmato la Declaration for Solutions on Marine Litter globale.

Firmando la dichiarazione, ognuna di queste associazioni si impegna in maniera volontaria ad adottare ulteriori migliorie al fine di ridurre gli effetti dell'inquinamento oceanico e accetta di concentrare i suoi sforzi su questi sei obiettivi principali:

  • Aumento della consapevolezza.
  • Ricerca di fatti.
  • Promozione delle pratiche migliori.
  • Condivisione della conoscenza.
  • Maggiore recupero.
  • Prevenzione delle perdite di pellet.
     

Sulla base del report sui progressi più recente, nel 2018 sono stati ideati, sono in corso o sono stati completati più di 355 progetti per i rifiuti solidi marini nel mondo. I progetti variano per dimensioni, obiettivo e portata e coinvolgono un numero in costante crescita di partner. Tutti stanno rafforzando la cooperazione e incoraggiando il progresso verso la riduzione e la prevenzione dei rifiuti solidi marini, oltre ad accrescere la comprensione di come sia più facile eliminarli.

Per maggiori informazioni, visitare il sito Web Marine Litter Solutions.

Operation Clean Sweep
 

2.3. OCS Logo.pngPer quanto riguarda la perdita potenziale di pellet di plastica di preproduzione del settore, PlasticsEurope e i suoi membri sono attenti a rafforzare l'applicazione di programmi di stewardship, in particolare l'iniziativa Operation Clean Sweep®. L'OCS promuove il contenimento appropriato del pellet lungo l'intera catena del valore della plastica.

Il settore della plastica sta promuovendo attivamente il programma attraverso produttori, convertitori, distributori, logistica e riciclatori di materie plastiche e le loro relative associazioni. Poiché richiede un approccio che include l'intera catena del valore, servono un impegno e uno sforzo congiunti affinché questa iniziativa possa avere successo.

A oggi, un gran numero di multinazionali della plastica, che coprono la maggior parte degli impianti e della produzione in Europa ha firmato l'Operation Clean Sweep® o ha implementato programmi simili. Contiamo 14 associazioni in Europa che si occupano della dispersione di pellet con iniziative dedicate e, insieme, possiamo far crescere questo numero.

Maggiori informazioni sono disponibili su http://www.opcleansweep.eu

Altre iniziative ed eventi di PlasticsEurope
 

Inoltre, altre iniziative di PlasticsEurope, come Zero imballaggi di plastica in discarica si aggiungono alle soluzioni sostenibili per risolvere il problema dei rifiuti solidi marini. Organizziamo anche eventi dedicati alle parti interessate come Identiplast e POLYTALK e promuoviamo attivamente l'adozione degli strumenti della metodologia Life cycle thinking per aiutare a ridurre la perdita di prodotti in plastica nell'ambiente.